Home Iaaf ATC Statuto Contatti News
Home
Iaaf ATC
Statuto
Contatti
News
Fitwalking     del Cuore
NEWS Fitwalking del Cuore
Sulle Strade dei Campioni
 
 
Saluzzo è da tempo la "Mecca" della marcia in Italia, tanto che si parla della "Scuola di Saluzzo" già da molto tempo prima dell'inaugurazione di questo centro di preparazione di alto livello all'avanguardia. Merito sicuramente dei grandi tecnici che vi operano e della grande esperienza dei fratelli Damilano, ma anche delle caratteristiche naturali che fanno di Saluzzo una zona ideale per gli allenamenti. La cittadina è infatti in pianura, ma a ridosso di una dolce zona collinare e a pochi chilometri dalla montagna. A seconda delle stagioni e delle necessità di allenamento si possono quindi trovare percorsi di ogni tipo, unitamente ad una struttura appositamente studiata per le necessità dei marciatori.

L'A.s.d. Scuola del Cammino Fitwalking Italia ed il centro di marcia hanno sede in un edificio storico della città, ristrutturato ad hoc e fornito delle migliori attrezzature, struttura ricettiva di tipo "casa-alloggio" può ospitare 12/14 persone in camere doppie e singole, è inoltre dotato di una palestra attrezzata appositamente per le attività del cammino e della marcia atletica, nonché di sale per conferenze e convegni pensate per ospitare attività di formazione e di studio. L'appoggio di un centro studi e ricerche fornisce infine contenuti tecnico-scientifici per ottimizzare i periodi di preparazione. Le strutture ricettive della città faranno da appoggio nei periodi di maggior affluenza.

La Scuola è una tappa importante nel cammino che ha portato alla vittoria tanti grandi marciatori italiani: Maurizio Damilano su tutti, ma anche Elisabetta Perrone, Erika Alfridi, Lorenzo Civallero, Rossella Giordano, Elisa Rigaudo, Alex Schwazer, Giorgio Rubino ed altri ancora. Molte delle vittorie internazionali dell'Italia si possono ricondurre alla "scuola di Saluzzo": due ori Olimpici e due Mondiali (a firma Damilano e Schwazer); quattro successi ai Giochi del Mediterraneo; due vittorie ai Mondiali Universitari e anche due record mondiali ancora imbattuti (la 2 ore e la 30 km) oltre ad innumerevoli piazzamenti sui più prestigiosi podi mondiali.

L'intento è quello di continuare la lunga tradizione della marcia italiana e di mettere a disposizione della famiglia internazionale della marcia tutta questa esperienza, il tutto rimanendo legati al territorio che più l'ha nutrita, attraverso una struttura che coniuga modernità e tradizione, attrezzature all'avanguardia e percorsi naturali, il tutto in un ambiente accogliente e famigliare.

Gli Atleti che hanno frequentato il centro di preparazione

GIORGIO e MAURIZIO DAMILANO

Iniziano la loro attività nel 1972 sotto la guida del fratello Sandro. Dopo una carriera nelle categorie giovanili che pone i due gemelli piemontesi ai vertici del movimento, iniziano la loro attività assoluta nel 1977 vestendo entrambi la maglia azzurra. Nel 1978 Maurizio vince il primo dei suoi 21 titoli nazionali, titolo che Giorgio conquisterà a sua volta nel 1979. Il primo grande successo internazionale lo ottengono alle Olimpiadi di Mosca: Maurizio è medaglia d’oro mentre Giorgio chiude in 11° posizione. Nel 1981 entrambi vincono  con la squadra azzurra la Coppa del Mondo di Marcia, vero e proprio Campionato Mondiale a squadre. I titoli vinti successivamente da Maurizio sono: 2 titoli Mondiali a Roma (1987) e Tokyo (1991); 2 bronzi olimpici a Los Angeles (1984) e Seoul (1988); un argento europeo (Stoccarda 1986) e vittorie in moltissime strade del mondo.

 

GIULIANA SALCE

E’ stata la prima atleta ad usufruire stabilmente di Saluzzo quale sede di allenamento. Pioniera della marcia femminile in Italia ha ottenuto importanti risultati in particolare sulle brevi distanze. Ha vinto il primo criterium mondiale indoor a Parigi nel 1985 ed è poi stata 2° ai Campionati Mondiali indoor di Indianapolis nel 1987 e 2° lo stesso anno ai campionati europei indoor a Lievin. 12 volte campionessa italiana sulle diverse distanze è stata anche primatista nazionale sulle classiche distanze della marcia.

 

 

RAFFAELLO DUCCESCHI

Azzurro della marcia e grande interprete della 50 Km. Sceglie la sede di Saluzzo per la sua preparazione alla fine degli anni ’80. E’ tra gli atleti che maggiormente è rimasto legato alla Città ed al territorio dove torna spesso. Tra i suoi risultati di maggior spicco vi sono la vittoria alle Universiadi 1987, le due partecipazioni olimpiche coronate da un 5° posto nel 1984 (Los Angeles) e un 8° nel 1988 (Seoul), il 4° posto ai Campionati del Mondo 1987 (Roma). Vincitore di 3 titoli italiani (1983;1984; 1988). Ha Chiuso la carriera con un record personale di 3h45’43 sulla 50 Km.

 

ARTURO DI MEZZA

Interprete dei 50 Km a livello internazionale, è stato però anche un buon ventista capace di marciare la distanza in 1h21’36 (1998). Sulla distanza più lunga ha un primato personale di 3h44’52 ottenuto alle olimpiadi di Atlanta dove ha realizzato il suo più prestigioso risultato chiudendo 4°. A livello di podi internazionali ha ottenuto un argento in Coppa Europa (1996) e tre bronzi alle Universiadi (1991,1995,1997).

 

ENRICO LANG

Altro azzurro che ha trascorso diversi anni a Saluzzo per allenarsi presso il Centro di preparazione sotto la guida di Sandro Damilano. Ha vestito più volte la maglia azzurra partecipando ad un Campionato del Mondo a Goteborg dove si è classificato 15°. Nel suo palmares un titolo italiano sui 10.000 m in pista nel 2005. Ha chiuso la carriera con un primato personale di 1h22’51 alla Coppa del Mondo IAAF di Pechino nel 1995 nella sua stagione più Importante a livello internazionale.

LORENZO CIVALLERO

Saluzzese. Figlio della terra dei fratelli Damilano, ha iniziato a prepararsi con Sandro Damilano già dalle categorie giovanili ad inizio anni ’90. Sandro Damilano è stato il suo tecnico per tutta la carriera che lo ha visto ottenere importanti risultati a livello nazionale ed internazionale. Tra gli altri spiccano la vittoria alle Universiadi 1999 e un titolo italiano sui 10.000 m in pista nel 2004. Ha preso parte a 3 Campionati del Mondo, 1 Campionato d’Europa, 2 Coppe del Mondo, 3 Coppe d’Europa e 2 Universiadi. Chiude la carriera con un primato di 1h20’34 sui 20 Km (la sua distanza preferita) ottenuto a Parigi nei Campionati del Mondo 2003.

 

ROSSELLA GIORDANO

Uno dei maggiori talenti della marcia italiana femminile degli ultimi decenni. Astigiana, si mette in luce sin dalle categorie giovanili, ed approda a Saluzzo, sotto la guida di Sandro Damilano, molto giovane. In un periodo caratterizzato da un fermento grandissimo in campo femminile, con campionesse come Perrone, Sidoti, Alfridi, la Giordano ha la capacità di mettersi in luce e raggiunger prestazioni di altissimo livello. Purtroppo il suo grande talento è spesso soffocato da infortuni che ne limitano la continuità di lavoro e risultati. Fortissima nei 10 Km (con un personale di 41’38 ottenuto a Naumburg nel 1997) si sa esprimere benissimo anche nella 20Km dove, se non fosse stata rallentata dagli infortuni, il suo potenziale avrebbe potuto essere enorme. Conclude comunque la carriera con un record personale di 1h29’12. 5° alle Olimpiadi di Atlanta (1996), è due volte 6° ai Campionati del Mondo (1995 Goteborg, 2003 Parigi). Sale sul podio sempre conquistando la medaglia d’argento nella Coppa Europa 1996 e alle Universiadi 1995, 1997, 1999. Conquista due titoli italiani sui 10.000 m nel 1996 e 1998.

ELISA RIGAUDO

Altro gioiello del territorio piemontese che ha dato negli ultimi 30 anni grandi interpreti alla specialità, Elisa si forma sin da giovanissima alla scuola di Sandro Damilano. Dopo un inizio sotto la guida del tecnico Bianco, suo scopritore, cresce seguendo con caparbietà la via delle categorie giovanili dove eccelle già in campo nazionale e ben figura nel contesto internazionale. La 20 Km è il terreno nel quale emerge mettendo in evidenza le sue doti di fondista capace di ben gestire il rapporto tra velocità e resistenza. Compie il suo capolavoro agonistico (almeno sino ad oggi) a Pechino dove conquista la medaglia di bronzo stabilendo il proprio primato personale. Non è però il solo exploit da podio. Nel 2001 si laurea campionessa d'Europa under 23 e nel 2006 a Goteborg è bronzo. Bronzo in Coppa Europa nel 2005. Nel 2004, solo marciatore italiano nella storia, vince il Challenge IAAF di marcia. Nel 2010 diviene mamma di Elena sua primogenita.

ELISABETTA PERRONE

Altra atleta piemontese di grandissima qualità. Elisabetta Perrone entra nel progetto Saluzzese in compagnia di Erika Alfridi nel 1999. Dopo aver dimostrato il suo talento sulla distanza dei 10 Km con la conquista di due podi, entrambi d’argento, ai Mondiali di Goteborg 1995 e alle Olimpiadi di Atlanta 1996, la sua verve sembra appannarsi e, complice anche il cambio di distanza dai 10 ai 20 Km nel programma femminile, decide di affidarsi all’esperienza di Sandro Damilano. Il grande centro sarebbe subito raggiunto, dopo un breve anno di rodaggio e di cambio di allenamento, alle olimpiadi di Sidney ma un macroscopico errore di giudizio (come è stato definito da tutto il mondo internazionale della marcia) la priva dell’oro più importante in una gara che stava dominando. Sale ancora sul podio mondiale l’anno successivo nel 2001 ad Edmonton. Tre volte medaglia in Coppa Europa (2000 e 2003 seconda; 2001 terza), vince i Giochi del Mediterraneo nel 1997. Lascia Saluzzo e la guida di Sandro Damilano al termine della stagione 2002 e, seppure la sua carriera internazionale si concluda con il 18° posto ai Giochi di Atene, Elisabetta è tutt’ora in attività dove con la sua società, la Forestale, svolge gare a livello nazionale. I suoi record personali sono 42’09 sui 10 Km (1996) e 1h27’09 sulla 20 Km (2001).

ERICA ALFRIDI

Si inserisce nel gruppo di lavoro della Scuola del Cammino nel 1999 in compagnia di Elisabetta Perrone. Atleta di continuità ai vertici internazionali dove, già nel 1989, sotto la guida di Armando Zambaldo iniziò a porsi all’attenzione del mondo della marcia. Rincorre per anni il podio in un grande evento che raggiunge prima nel 1998 (2° agli Europei a Budapest) sotto la guida di Pietro Pastorini e poi, allenata da Sandro Damilano a Saluzzo, per ben due volte nel 2002, il suo anno di maggior prestigio, con un bronzo ai Campionati d’Europa a Monaco di Baviera e quindi con la vittoria individuale in Coppa del Mondo alla Finale di Torino (prima, e sino ad ora unica, donna a vincere questa prova a livello Assoluto, e primo italiano in assoluto dopo la vittoria di Abdon Pamich). 4° alle olimpiadi 2000, 4°, 5°, 6° ai Campionati del Mondo 2001, 1999 e 1997, chiude la carriera con i record personali di 42’15 sui 10 Km (1997) e 1h27’29 sui 20 Km (2001).

GIORGIO RUBINO

A Saluzzo dal 2009 è il giovane di maggior qualità alle spalle di Alex Schwazer. Specialista dei 20 Km ha nel suo palmares risultati già importanti. Dopo una carriera di buon livello nelle categorie giovanili approda sulla scena internazionale dimostrando ottimo carattere. Nel 2007 è 5° ai mondiali di Osaka e 4° a quelli di Berlino 2009. Una partecipazione non brillante a Pechino è il punto di riflessione che lo porta ad approdare presso la Scuola del Cammino. Nel 2010 vive una stagione travagliata nel corso della quale 2 infortuni seri lo costringono ad una preparazione a singhiozzo. Si presenta quindi non ancora a posto dal punto di vista atletico agli europei di Barcellona dove conclude in 5° posizione. “Un’occasione persa, dirà commentando questo risultato, con posizioni da medaglia che erano certamente alla mia portata”. Con carattere non demorde e chiude la stagione con un risultato di grande prestigio sia sul piano del piazzamento che del riscontro cronometrico nella finale del Challenge IAAF di marcia a Pechino: 3° in 38’00 sui 10 Km, record personale e miglior prestazione italiana su strada nella distanza. Saluzzo è divenuta ormai il suo riferimento primario. Nel capoluogo del marchesato ha voluto prendere residenza e l’integrazione con la città è così stretta tanto da coltivare amicizie ed interessi importanti.

Grandi campioni che si sono allenati a Saluzzo

Oltre ai tanti atleti italiani che hanno frequentato il Centro Federale per la marcia, scelto dalla FIDAL come riferimento anche per stage di allenamento continuativi, vi sono alcuni grandissimo campioni stranieri che hanno voluto respirare l'aria di questo centro di preparazione svolgendovi periodi di preparazione. Tra questi ne ricordiamo 4 che hanno conquistato importanti successi nelle ultime stagioni 2007 – 2008 - 2009 - 2010 - 2011 - 2012 - 2013:

Nathan DEAKES -  Campione Mondiale ad Osaka nel 2007, è stato ad allenarsi a Saluzzo nella primavera 2006.

 

Jefferson PEREZ -  E’ stato a Saluzzo ad affinare la preparazione nel periodo di vigilia dei Campionati Mondiali 2007 ad Osaka, dove ha conquistato la sua terza vittoria consecutiva e prima delle Olimpiadi di Pechino 2008 dove ha conquistato la medaglia d’argento.

Wang HAO -  E’ stato a Saluzzo in diversi periodi nel 2009. Ed ha concluso la preparazione in vista dei Campionati del Mondo di Berlino 2009 dove ha conquistato la medaglia d’argento.

 

Wang ZHEN - Giovane sorpresa della marcia cinese. Ha perfezionato la preparazione pre-olimpica a Saluzzo. Ha vinto con una grandissima prestazione cronometrica la finale del Challenge IAAF di marcia 2010, 4° nella 20 Km ai Mondiali di Daegu, 1° nella 20 Km di Coppa del Mondo 2012 a Saransk e medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici di Londra sempre nella 20 Km.

Tianfeng SI - E' stato a Saluzzo per perfezionare la preparazione in vista delle Olimpiadi di Londra dove ha conquistato una storica medaglia di bronzo nella 50 Km. Questo risultato si somma al 4° posto in Coppa del Mondo a Saransk e al 4° posto ai Mondiali di Daegu.

Jianbo LI - Ha preparato i Giochi Olimpici di Londra insieme al gruppo dei nazionali cinesi ottenendo un 7° posto nella 50 Km.

Hong LIU - Vice-campionessa mondiale in carica ai Campionati Mondiali di Daegu, ha preparato a Saluzzo questo evento ed i Giochi Olimpici di Londra dove si è piazzata 4°, come alle Olimpiadi di Pechino, dietro la connazionale Qieyang. Ai Campionati del Mondo di Berlino del 2009 ha conquistato la medaglia di bronzo. Ai Campionati Mondiali di Mosca 2013 ha conquistato un'altra medaglia di bronzo.





Site Map